Home page

Schede piante

Tecniche

Patologie

Forum

News

Contatti
Schede piante

Dieffenbachia (Dieffenbachia Picta)

scheda pianta
DieffenbachiaLa dieffenbachia è una delle piante più  comuni e maggiormente utilizzate in appartamento, per il suo fogliame bello e decorativo; Il fusto è grosso ed eretto, le foglie ampie, ovali, più o meno macchiate o striate di bianco avorio o di giallo, a seconda della specie. Si deve tenere presente che la linfa della dieffenbachia contiene una sostanza altamente tossica per l'uomo e gli animali domestici (ossalato di calcio) per cui è consigliabile maneggiare con cura e tenere lontana da bambini/cuccioli. In caso di intossicazione, sia nell'uomo che negli animali da compagnia, abbiamo imponenti casi di scialorrea.

Esposizione:
necessita di buona luminosità, ma non insolazione diretta. La posizione ideale è davanti a una finestra protetta dalle tende.
Temperatura: circa 22 C durante il giorno e almeno 18 di notte. L'atmosfera dev'essere piuttosto umida; sopporta per un breve periodo l'aria fredda e umida, perdendo però quasi inevitabilmente qualche foglia.
Innaffiarure: questa pianta necessita di innaffiature abbondanti, bisogna però attendere che la pianta abbia assorbito tutta l'acqua prima di fornirgliene altra. Se l'acqua di innaffiatura contiene troppo cloro, le foglie inferiori ingialliscono e cadono. Per evitare questo inconveniente è sufficiente lasciar riposare l'acqua per una giornata prima di innaffiare.
Spruzzare regolarmente le foglie con acqua tiepida.
Riproduzione: per talea di fusto o per margotta di testa. Per praticare la talea di fusto si devono tagliare segmenti di fusto lunghi 3-4 cm, che vanno posti in un miscuglio ben umido di torba e sabbia in quantità eguali.
Terreno: vuole terriccio molto fertile, ottenibile mescolando 3/4 di terriccio umifero e 1/4 di terra da giardino.
Fertilizzazione: durante il periodo estivo, è bene sommini strare fertilizzante liquido ogni 10-12 giorni, d'inverno, una volta al mese
Malattie: se si formano macchie bianche sulle foglie, la pianta è stata colpita dal ragnetto rosso o dalla cocciniglia, ovvero i suoi peggiori nemici. Se invece si verificano macchie di marciume sulle foglie e sul fusto significa che è stata troppo esposta al freddo e all'umidità. Se troppo esposta al sole si formano facilmente bruciature sulle foglie.
 
Tutti i marchi e nomi citati appartengono ai rispettivi proprietari.
I contenuti di questo sito appartengono a Armando Mancini.
Ogni tipo di riproduzione, con ogni mezzo ed in ogni luogo, è espressamente vietata senza consenso scritto.