Home page

Schede piante

Tecniche

Patologie

Forum

News

Contatti
Schede piante

Cresta di gallo (Celosia) (Celosia argentea)

scheda pianta
La caratteristica forse più saliente della Celosia è la vivacità dei colori.
Nelle aiuole estive questa pianta risulta di notevole effetto per l'originalità delle infiorescenze e per questa ragione in alcuni testi di botanica questa pianta viene indicata con il nome di "cresta di gallo".
La specie originaria delle varietà oggi disponibili per aiuole e coltura in vaso è la Celosia argentea, alta da 15 a 50 cm. La pianta annuale ha uno sviluppo verticale e ramificato. Forma pannocchie bisessuali che in Celosia argentea var. piumosa somigliano a piume e in Celosia argentea var. cristata a una cresta di gallo.
Questa cresta è un'infiorescenza compatta in cui tutti i piccioli sono gamofili e fasciati.
Simili fasciature sono determinate da una deviazione genetica nell'apice vegetativo, si trovano nella digitale o nelle cactacee.
Un tempo le stupende creste di gallo della ceiosia venivano raccolte insieme ai loro steli e messi a essiccare in luogo ombroso e aerato. Poiché si conservano a lungo, in passato venivano utilizzati di frequente per composizioni di fiori secchi. Le foglie possono essere lanceolate od ovali. Idonee alla coltura in fioriere o ciotole sono le varietà alte 20-25 cm, citiamo ad esempio:
Miss Nippon, 25 cm, fiori piumosi in giallo, rosa e rosso.
Olympia , alta 20 cm, fiore a cresta, scarlatto, giallo, rosso cupo.
Kewpie, alta 20 cm, fiori piumosi in giallo oro, arancio, scarlatto.
Questa varietà fiorisce precocemente e non ha bisogno di estati calde come le due precedenti varietà.
New York, alta 40 cm, fiori piumosi di un bel rosso intenso, che emergono da un fogliame scuro.
Questa varietà, molto cespugliosa e ramificata nella parte bassa, è stata allevata in Europa ed è stata premiata nel 1988 dalla All American Selections come la migliore nuova varietà. In precedenza era stata sottoposta a prove di vario genere presso 60 vivaisti negli Stati Uniti e in Canada. La sua superiorità in fatto di durata, copiosità della fioritura e resistenza alle varie condizioni climatiche ha sbaragliato le altre concorrenti.
Fioritura: da luglio a settembre.
Famiglia: Amaranthaceae.
Origine: la specie originaria proviene dall'Africa tropicale, oggi è ampiamente diffusa in tutte le regioni tropicali.
Esposizione: soleggiata e calda.
Substrato: terriccio universale, comune terra da vaso.
Messa a dimora: invasare le piantine acquistate o coltivate in casa a circa 20 cm di distanza.
Cure colturali: annaffiare abbondantemente e concimare ogni settimana; evitare i ristagni d'acqua.
Cure particolari: eliminare le parti appassite.
Cure invernali: nessuna.
Parassiti e malattie: afidi, peronospora.
Moltiplicazione: per seme in marzo con una temperatura del terreno di 18 °C. I semi germinano alla luce.
Forme di allevamento: le intense tonalità delle celosie non tollerano la presenza di altri fiori, tuttavia è possibile ottenere effetti spettacolari giocando sulla mescolanza dei colori.
Tutti i marchi e nomi citati appartengono ai rispettivi proprietari.
I contenuti di questo sito appartengono a Armando Mancini.
Ogni tipo di riproduzione, con ogni mezzo ed in ogni luogo, è espressamente vietata senza consenso scritto.