Home page

Schede piante

Tecniche

Patologie

Forum

News

Contatti
Schede piante

Anthurium (Anthurium Andreanum)

scheda pianta
AnthuriumGli Anthurium sono piante ornamentali molto comuni nelle nostre case, anche se originariamente erano legate a un habitat decisamente tropicale o subtropicale. Vengono coltivate diverse specie, tutte caratterizzate da fusto caulescente, segnato in modo caratteristico dalle cicatrici lasciate dai piccioli delle foglie cadute; le foglie, a forma di cuore, sono di una piacevole tonalità di verde brillante e raggiungono circa 30 cm di lunghezza e 20 di larghezza; sono disposte verticalmente e munite di picciolo molto allungato. La spata, ovato-arrotondata, presenta una superficie marcatamente bollosa ed è di colore rosso scarlatto, con diametro di 10-15 cm, emergente tra il fogliame grazie a un lungo peduncolo. Lo spadice, ricurvo, simile a una coda o a un cornetto, è lungo anche 8-12 cm e può essere rosso, biancastro o giallo a seconda delle specie.

Esposizione: luminosa, ma non ai raggi diretti del sole, evitando le correnti d'aria.
Temperatura: la minima invernale deve aggirarsi tra i 16 e i 20 °C; teme gli sbalzi improvvisi di temperatura.
Annaffiature: bisogna innaffiare di frequente, ma senza eccedere. Bisogna inoltre spruzzare le foglie, ma questa operazione va sospesa durante la fioritura. D'estate, bisogna innaffiare almeno una volta ogni 2 giorni, d'inverno basta una volta alla settimana. L'acqua non deve assolutamente essere calcarea: usare acqua piovana o acqua riposata.
Fertilizzazione: fornire alla pianta del fertilizzante liquido ogni 15 giorni durante lo sviluppo e nel periodo della fioritura.
Riproduzione: per divisione dei cespi, per talea o per margotta. Il periodo migliore per la riproduzione con questi metodi è il mese di gennaio e fino all'inizio di febbraio, adottando un composto costituito da 1/3 di sfagno triturato, 1/3 di sabbia fine e 1/3 di terriccio di bosco piuttosto fibroso.
Terreno: il miscuglio ideale consiste di una parte di sfagno fresco, grossolanamente spezzettato, una parte di radici di corteccia sminuzzata e una parte di sabbia mescolata a terra di brughiera.
Parassiti, patologie:l'ingiallimento o l'appassimento delle foglie può essere dovuto a correnti d'aria o a innaffiature eccessive o scarse. Le infezioni da funghi provocano macchie scure sulle foglie; gli afidi possono invadere la pianta.
 

 

Tutti i marchi e nomi citati appartengono ai rispettivi proprietari.
I contenuti di questo sito appartengono a Armando Mancini.
Ogni tipo di riproduzione, con ogni mezzo ed in ogni luogo, è espressamente vietata senza consenso scritto.