Home page

Schede piante

Tecniche

Patologie

Forum

News

Contatti
Tecniche

Il controllo dell'ambiente

Tecniche e consigli

Le piante sono esseri viventi e come tali vanno sempre trattati; analogamente a noi umani, anche esse sono particolarmente sensibili e delicate nella fase iniziale e in quella finale del loro ciclo di esistenza; il problema principale per la riproduzione di piante è quello di garantire e proteggere la sopravvivenza del materiale riprodotto (cone piantine da seme, talee od innesti) fino a quando esso non si sia trasformato in nuove giovani e forti piante. Elemento di fondamentale importanza è il controllo dell'ambiente, che è praticamente impossibile controllare in ogni suo aspetto, ma che l'uomo controlla in grande parte da tempo immemore. Nella riproduzione delle piante vanno tenuti presenti due fattori ambientali: il fattore atmosferico, che comprende temperatura, umidità, equilibrio gassoso, trasmissione della luce; e l'elemento naturale, usato per la riproduzione (terriccio e composto), comprendente temperatura, stato di umidità, aereazione e le sue reazioni (acide e alcaline).
Un'ambiente ideale dovrebbe ridurre al minimo la perdita d'acqua da parte del materiale vegetale, dovrebbe provvedere temperatura fresca e penetrazione di luce sufficiente a garantire il processo di fotosintesi, inoltre, un normale equilibrio atmosferico tra aria e terriccio, buon drenaggio e, infine, del terriccio o composto a temperatura media, con reazione neutra, acida o alcalina a seconda delle preferenze dell'una o dell'altra pianta.
Come detto, è molto difficile riuscire a controllare pienamente ogni aspetto sopra descritto, ma è possibile intervenire per fornire un ambiente comunque "amichevole" per lo sviluppo delle piante, riducendone il grado di stress.
In linea di massima quanto più si tratterà di materiale delicato, o non resistente al freddo, tanto maggiore dovrà essere la possibilità di controllo della temperatura ambiente al fine di ottenere una buona riuscita.

Cassoni vetrati

Per ottenere un buon controllo dell'ambiente fin dall'inizio, si consiglia di installare, sul terreno un cassone, con per copertura di vetri. Il cassone aiuta ad aumentare la temperatura del terreno, ne riduce nel contempo la fluttuazione, mantiene l'umidità, permette la penetrazione della luce: può venire usato per la riproduzione di una grande gamma di piante rustiche. Il suo maggior vantaggio, come per tutti gli ambienti chiusi, è costituito dall'aumento della temperatura nelle ore di sole. È quindi necessario arieggiarlo per abbassare la temperatura, ma in tal modo diminuisce notevolmente l'umidità, oppure bisogna ombreggiare il vetro per ridurre l'intensità della luce.
In alternativa del vetro vi sono diverse attrezzature in plastica, tuttavia le loro caratteristiche fanno sì che nel periodo invernale la trasmissione di luce/calore non sia molto soddisfacente: di fatto tali surrogati non conservano il calore tanto validamente quanto il vetro.
Il cassone vetrato più facile da costruire e più maneggevole si compone di singole lastre di vetro incorniciate da telai di legno, lunghi circa m 1,60 e larghi cm 75/80. Questi telai vengono posati l'uno di seguito all'altro sopra la struttura (in legno, muratura o altro) del cassone stesso, il quale dovrà avere la distanza di circa m 1,45 fra la parete posteriore e quella anteriore. Nei cassoni adibiti alla riproduzione di piante è opportuno che l'altezza della parete posteriore sia di circa cm 30 da terra, mentre quella anteriore dovrà essere alta soltanto cm 20. L'inclinazione della copertura vetrata dovrà essere orientata verso sud.

cassone vetrato

Serre fredde


Il passo successivo nella sequenza dei vari controlli dell'ambiente è rappresentato dalla serra fredda, nella quale, sempre allo scopo di ottenere un buon controllo ambientale, possono essere impiegati anche accorgimenti leggermente più sofisticati . In genere le serre con strutture in legno sono costose, di manutenzione faticosa e difficili da tener pulite. Le serre a struttura metallica sono invece più economiche e pratiche; però, se non sono adeguatamente strutturate all'interno, possono essere soggette a distorsioni e subire danni quando vengono a trovarsi esposte a venti molto forti.
Una cassetta chiusa, cioè un telaio con copertura di vetro, piazzata in una serra fredda, fornisce una temperatura sufficientemente adeguata per consentire la moltiplicazione di piante da appartamento, nonché di soggetti particolarmente sensibili al freddo.


Un calore di fondo e quindi un accurato controllo della temperatura possono essere ottenuti installando, su uno strato di sabbia e di torba, una resistenza elettrica collegata ad un termostato che regoli la temperatura del substrato di sabbia o torba.

Nebulizzatori

Un ulteriore controllo dell'ambiente si ottiene utilizzando i nebulizzatori.Un nebulizzatore agisce sia sull'umidità che sulla temperatura; utilizzare al meglio un nebulizzatore, evitando ristagni e micosi, è uno degli elementi più efficaci.


Moltiplicatore

Una soluzione alternativa di compromesso è il cosiddetto moltiplicatore. Si tratta di una unità portatile che può venire usata sia in serra che in casa, a condizione che vi sia luce adeguata, consiste di una base di fibra di vetro fornita di termostato e di resistenze elettriche per il riscaldamento, con una copertura a volta, in perspex.

Tende e tunnel di politene

Esiste una soluzione economica che provvede un ambiente abbastanza idoneo per piante di facile riproduzione. Si tratta di applicare su un vaso, o su un semenzaio, un sacchetto di politene e di sostenerlo con una o più canne, o con un archetto di filo di ferro zincato, conficcandone le estremità nel terriccio; dopo di che si chiude ermeticamente con un solido elastico.
Le piante all'aperto si possono invece coprire con un tunnel di politene, sostenendone i fogli con archi di robusto filo di ferro, e chiudendolo poi ermeticamente alle due estremità.

Con questi semplici rimedi, il controllo ambientale può essere compiuto con successo, e le piante vi ringrazieranno per tutta la (loro) vita.
Tutti i marchi e nomi citati appartengono ai rispettivi proprietari.
I contenuti di questo sito appartengono a Armando Mancini.
Ogni tipo di riproduzione, con ogni mezzo ed in ogni luogo, è espressamente vietata senza consenso scritto.