Dalia

Le dalie sono uno dei fiori più noti e "romantici"; chiamate anche giorgine, le dalie grazie alla selezione sono disponibili in una infinita gamma di varietà, diverse fra loro per la forma e il colore dei fiori.

La dalia ha passato le mode cambiando radicalmente il criterio di selezione; mentre una volta l'interesse maggiore dei vivaisti era rivolto soprattutto alle dimensioni dei fiori e all'originalità dei colori (negli anni 70-80 era frequente trovare dalie giganti simili a girasoli per dimensioni ora ci si preoccupa di ottenere varietà minuscole da utilizzare nelle cassette da balcone. §
Le varietà più alte si hanno da tuberi messi a riposo durante l'inverno, quelle nane di solito vengono coltivate come annuali, giacché è facile ottenerle per seme. _
Tra le varietà più note segnaliamo:
• "Figaro", alta 30 cm, fiore doppio o semidoppio;
• "Mignon", alta 30-40 cm, a corolla semplice;
• "Rigoletto", alta 30-40 cm. a fiore doppio o se-midoppio;
• "Sunny", alta 30 cm, particolarmente precoce, ibridi con belle tonalità luminose rosa, giallo oro o rosa intenso. Fioritura: da luglio a ottobre.

Famiglia: Compositae.
Origine: le specie spontanee provengono dal Messico.
Esposizione: soleggiata e al riparo dal vento.
Substrato: terriccio universale, comune terra da vaso, terra da giardino argillosa e ricca di humus.
Messa a dimora: interrare le piantine acquistate o coltivate in casa (vedi Moltiplicazione) a 30 cm di distanza.
Cure colturali: annaffiare molto e concimare ogni settimana.
Cure particolari: recidere le corolle appassite.
Cure invernali: nessuna. Parassiti e malattie: muffa grigia, seccume delle foglie, ragnetto, tripidi, afidi.
Moltiplicazione: per seme in febbraio-marzo. Distribuire 2-3 semi in ogni vaso.
Forme di allevamento: le dalie sono così decora-tive che è preferibile col-tivarle per gruppi isolati.